Nuovi sistemi operativi: Windows 10

Nuovi sistemi operativi: Windows 10

Se diamo un'occhiata a quanto di nuovo è stato proposto nell'ultimo anno, relativamente al settore dei software di sistema, noteremo subito le grandi novità che hanno riguardato i principali sistemi operativi: Windows 10, ad esempio, dopo oltre 10 mesi dall'uscita sul mercato sta riscuotendo molti consensi, determinando il successo per questa operazione lanciata da Microsoft nello scorso mese di luglio 2015. Con un numero di installazioni ufficiali che ha già superato quelle della precedente versione 8,1, il successo di Windows 10 appare ormai evidente anche agli occhi dei non pochi scettici che avevano accolto tiepidamente le precedenti versioni.

Recentemente, poi, è stata diffusa la notizia che dal prossimo 30 luglio 2016 cesserà l'offerta di upgrade gratuito, rivolta ai possessori di una versione precedente e regolarmente licenziata di Windows. Questi saranno, quindi, gli ultimi mesi in cui sarà possibile aderire a questa particolare offerta. Trascorsa la data limite non sarà più possibile scaricare gratuitamente l'aggiornamento e Windows 10 sarà disponibile esclusivamente acquistando una nuova licenza. L'opportunità che Microsoft ha voluto dare ai propri clienti aveva infatti una durata limitata ad un anno e si è rivelata una strategia assolutamente vincente per la casa di Redmond, avendo contribuito alla diffusione capillare della versione 10 di Windows.

Fin dai suoi esordi Windows è stato un sistema operativo di successo; ancora oggi, nonostante siano ormai trascorsi tre decenni, regge molto bene ai continui attacchi della concorrenza, Linux e OS X in prima linea, che pur avendo conquistato cospicue fette di mercato non riesce ancora a insidiare in modo significativo il primato di Windows. In particolare poi, con questa nuova versione 10, Microsoft ha voluto dare al proprio sistema operativo una nuova veste, più moderna e dinamica, introducendo tutta una serie di nuove ed interessanti caratteristiche. Il nuovissimo Edge, ad esempio, ha ottimamente sostituito l'ormai obsoleto Internet Explorer, riconquistando parte delle posizioni di mercato che aveva acquisito Chrome; Cortana, invece, ha segnato l'ingresso di Microsoft nel settore degli assistenti virtuali, i software in grado di assistere gli utenti rispondendo ai comandi vocali, già presidiato da Apple e Google con SIRI e NOW.