Il fenomeno youtuber: il successo di FaviJ, Clapis, Sodano e de Carli

Il fenomeno youtuber: il successo di FaviJ, Clapis, Sodano e de Carli

Il 2005 è l'anno di nascita di YouTube: la piattaforma (di proprietà di Google) più famosa e utilizzata per condividere e visualizzare video su internet.

Presente in 75 Paesi al mondo, conta attualmente più di 1 miliardo di utenti, 300 ore di video caricate ogni minuto nel mondo, ed è il terzo sito più visitato in assoluto. L'Italia è al sesto posto al mondo come numero di utilizzatori!

Negli ultimi anni, è esploso il fenomeno YouTuber: spinti forse dalla crisi e dalla mancanza di concrete possibilità di lavoro, o dalla voglia di raggiungere il successo, molti ragazzi (ma anche ragazzini di 15 e 16 anni) hanno deciso di fare del noto sito gestito da Google la loro fonte di guadagno. E alcuni di loro ci sono riusciti!

Le nuove star di YouTube parlano di videogiochi, cucina, smalti per unghie, trucco, moda, danza, cellulari, e la lista potrebbe andare avanti all'infinito.

Il target di riferimento dei giovani youtuber è rappresentato da ragazzi altrettanto giovani (ma non mancano gli adulti tra i loro fans), che cercano nel web le risposte alle loro curiosità su:

  • videogiochi

  • make up

  • abbigliamento e fashion style

  • cucina (ricette e consigli)

  • musica e cinema

Un fenomeno che sembra in continua ascesa e sul quale l'interesse, anche da parte dei media, è in costante aumento. Ad ottobre 2015 è anche uscito il film “Game Therapy”, che racconta le esperienze di tre amici, un po' sfortunati a scuola e con le ragazze, che nel mondo virtuale dei videogiochi, trovano la loro “isola che non c'è”.

Come non conoscere FaviJ, Federico Clapis, Daniele Sodano e Leonardo de Carli?

Ad accomunare questi youtuber è il campo di specializzazione, oltre alla giovanissima età. Si tratta di gamers appassionati, che hanno fatto del canale YouTube un luogo di commento e di confronto sugli ultimi giochi in uscita.

Dotati di cuffie e microfono, mostrano ai loro followers le modalità di gioco e le tecniche ideali per vincere battaglie simulate e scontri virtuali. A colpire non è tanto il guadagno derivato dal numero di visualizzazioni dei singoli video (che è comunque considerevole), ma le collaborazioni esterne, rese possibili da una vetrina vista da milioni di persone, come quella di YouTube.

Chiunque può diventare Youtuber : parti da una passione autentica per comunicare con il tuo pubblico: sarà più facile trasmettere emozioni parlando di qualcosa che ti piace.

Usa un linguaggio spontaneo , semplice, naturale, ma mai volgare.

Crea un dialogo costante con i tuoi followers : è importante che loro possano avere tue notizie costantemente, rappresenta una sicurezza.

Ad oggi i temi che vanno di più sono i videogiochi, i tutorial sul trucco e sull'abbigliamento, seguiti dalle ricette di cucina. Ma da qualunque passione tu abbia, può nascere un'idea vincente!